dulcis in fundo

infallibili shortbread

shortbread

sicuramente in ritardo sul resto dell’umanità, da qualche mese ho cominciato ad usare pinterest e diventa giorno dopo giorno una droga incontrollata. Mi appassionano le bacheche sulla casa e ovviamente le ricette di ogni genere. Durante una delle mie navigazioni incontrollate ho scoperto arabafelice, il blog di cucina di un’italiana in Arabia Saudita e me ne sono innamorata. Aldilà delle affinità nel ritrovare racconti e esperienze che suonano familiari, le ricette sembrano tutte deliziose così ieri ho deciso di provare quella descritta in uno degli ultimi post. Il risultato è stato sorprendente: facilissimi e burrosi da morire, gli shortbread perfetti.

Inzuppateli, ricopriteli di cioccolata o crema, mangiateli semplicemente come sono ma provateli e innamoratevi ❤

ingredienti:

100 gr di zucchero a velo

200 gr di farina

100 gr di amido di mais

200 gr di burro

aroma alla vaniglia (personalmente ho usato 1 cucchiaio di estratto in polvere ma potete aumentare o diminuire la dose a vostro piacimento)

1 pizzico abbondante di sale

difficoltà: minima

tempi: preparazione 10 minuti + il riposo

cottura 20/25 minuti

dosi: 25 pezzi circa

Mettete le farine, lo zucchero a velo e la vaniglia in un robot da cucina e lavorateli per qualche secondo con le lame perché gli ingredienti si uniscano. Aggiungete il sale e i 200 gr di burro ammorbidito e tagliato a pezzetti. Lavorate per qualche minuto fino ad ottenere un composto grossolano e granuloso. Trasferite il tutto in una teglia rettangolare (23x33cm) rivestita di carta da forno e distribuitelo in maniera regolare livellando la superfice con le mani o il dorso di un cucchiaio. Incidete l’impasto in modo da formare piccoli rettangoli della grandezza che preferite e bucherellate ognuno con una forchetta e spolverizzate la superficie un un cucchiaio o due di zucchero semolato.

shortbread_prep

Fate rassodare in frigo per una ventina di minuti e poi cuocete in forno caldo a 160° per 20/25 minuti fino a quando i bordi risulteranno leggermente dorati.

Una volta cotti incidete nuovamente la superfice seguendo i tagli fatti in precendenza ma attenzione a non toccare i biscotti. E’ necessario farli raffreddare nella teglia perché caldi sono molto friabili e il disastro è dietro l’angolo 🙂

lettura consigliata:

senza_toccare_fondoil secondo titolo di un’autrice piena di talento. Il racconto drammatico di un precipizio amoroso, la scoperta di quanto l’esistenza assomigli a un vagabondaggio verso la perdizione da cui ci si può salvare solo ritrovando il bandolo della vita perduta. Una lettura da addolcire con dei biscotti burrosi e una tazza di té 😉

4 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...