secondi e sfizi salati

cappesante gratinate ai funghi

La prima volta che ho assaggiato le cappesante è stato in Francia a casa dei mie nonni e le ho trovate meravigliose. Non sono ancora riuscita  a riprodurre esattamente la stessa ricetta ma tra i vari esperimenti è uscita fuori questa versione che adoro. E’ facile, è veloce e di effetto. Non riesco ad immaginare nessuna altra caratteristica per un piatto perfetto.

ingredienti:

6 cappesante

1 ciuffo di prezzemolo

200 gr di funghi champignon

1 spicchio d’aglio

4 cucchiai d’olio

pangrattato

sale e pepe

difficoltà: minima

tempi: preparazione – 5 minuti

cottura – 10 min

dosi: 3 persone

Preriscaldate il forno a 200°.

Staccate delicatamente i molluschi dalla conchiglia con un coltellino. Sciacquate molluschi e conchiglie sotto l’acqua corrente. Ungete un padellino e fate rosolare per due minuti al massimo i frutti di mare. Vanno solo scottati, la cottura terminerà in forno.

Prendete i funghi champignon e lavateli con cura eliminando il gambo terroso. Tagliateli a fettine sottili.

Mettete il prezzemolo, i funghi, l’olio e l’aglio nel frullatore e lavorate fino ad ottenere una crema piuttosto omogenea. Salate e pepate.

Rimettete i frutti di mare nelle rispettive conchiglie e coprite con il composto di funghi e prezzemolo. Cospargete di pan grattato e infornate a forno caldo per 10 minuti circa.

Le conchiglie sono pronte quanto la gratinatura ha raggiunto un bel colore leggermente dorato.

cappesante_funghi

piccoli suggerimenti:

Se non trovate conchiglie fresche vanno benissimo anche quelle surgelate, fate solo attenzione che siano ben scongelate prima di prepararle di modo che non perdano troppo acqua durante la cottura.

Mi è capitato di preparare questo piatto anche con i frutti di mare senza conchiglia. Il risultato è forse meno scenico ma altrettanto buono.

Attenzione ai tempi di cottura, i frutti di mare diventano facilmente duri e gommosi.

I funghi tendono a perdere molta acqua in cottura, vi consiglio quindi di tenere d’occhio le vostre conchiglie. Se vi sembrano molto acquose tiratele fuori dal forno a metà cottura, eliminate l’acqua in eccesso e rimettetele in forno perché si asciughino.

lettura consigliata:

jezabelJezabel è uno di quei libri che lascia il segno. Che ti faccia pena o ribrezzo  Gladys Eysenach è un personaggio incredibile, prigioniera all’estremo della paura più comune.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...